Oggi è il 01/10/2016 | 24999 articoli online
 



VERSO TORINO-FIORENTINA

Ljajic è tornato in gruppo, per lui uno spezzone di partita contro la sua ex squadra



[ commenti presenti. Vuoi scrivere il tuo? Clicca qui! ]

Jacopo Bianchi | “Con la Roma grande vittoria, ma dobbiamo ragionare partita per partita”. È il monito del patron Cairo che a metà settimana alla Sisport ha voluto tastare di persona il polso della squadra. Archiviato il 3-1 ai giallorossi, il Toro è subito chiamato a confermarsi contro la Fiorentina di Paulo Sousa, reduce dallo 0-0 con il Milan in campionato e dalla rotonda vittoria per 5-1 di Europa League. La doppia seduta di giovedì ha portato in dote lavoro differenziato per Ajeti e Aramu, mentre De Silvestri, Ljajic e Maxi Lopez hanno prima lavorato in gruppo per poi chiudere con un programma personalizzato. Solo terapie invece per Joel Obi, alle prese con una elongazione al bicipite femorale sinistro che lo terrà fuori per almeno un paio di settimane. Proprio l'infortunio del nigeriano riapre la concorrenza per un posto a centrocampo. Acquah Baselli e Benassi sono in corsa per due maglie da titolare e per Baselli potrebbe essere l'occasione giusta per riprendersi il posto dal primo minuto. In difesa sono da valutare giorno per giorno le condizioni di De Silvestri, uscito domenica scorsa per problemi al tendine rotuleo del ginocchio destro. Pronto al suo posto Davide Zappacosta. Chi invece vuole esserci a tutti i costi è Adem Ljajic, per festeggiare nel migliore dei modi il suo 25° compleanno. La lesione muscolare alla coscia sinistra rimediata dopo poco più di venti minuti di gioco nella partita contro il Bologna lo ha tenuto fermo per quasi quaranta giorni. Il serbo ora però potrebbe riassaggiare il campo, anche se con il giusto approccio. Inutile ricordare quanto sia importante il suo apporto alla manovra d'attacco e quanto sia mancato in queste prime uscite di campionato. C'è da scongiurare possibili ricadute e nuovi infortuni. Probabile dunque che Mihajlovic voglia dosarne le energie, riservandogli uno spezzone di partita.


SOUSA SCONTENTO Fiorentina già in campo questa mattina per preparare la trasferta di Torino. Paulo Sousa non vuole cali di concentrazione dopo la vittoria in Europa League. Concederà alla squadra un unico momento di relax intorno a mezzogiorno, quando a Palazzo Vecchio verrà presentata la Partita Mundial, evento di beneficenza che vedrà tra i protagonisti due glorie viole del calibro di Giancarlo Antognoni e Gabriel Batistuta. I cinque gol segnati giovedì sera al Quarabag aggiornano le statistiche ferme al 2009: erano sette anni che la Viola non faceva cinquina in coppa, all'epoca era Champions' League e l'avversario era il Debreceni. Sousa comunque non si accontenta, anzi. È stato molto critico con i suoi nel dopo gara: “la buona notizia è la vittoria ma non sono affatto soddisfatto dall’approccio alla partita perché abbiamo sottovalutato l’avversario”. Il tecnico portoghese non ha gradito quel gol segnato dagli azeri, una rete che ha interrotto l’imbattibilità casalinga della Fiorentina che durava da 457 minuti. Allo stesso tempo però il mister riconosce il buon momento dei suoi difensori: “abbiamo lavorato molto sugli aspetti individuali e i ragazzi mi hanno dimostrato di avere una buona qualità del lavoro”.


MOVIOLA IN CAMPO Dopo l'esperimento di Italia-Francia per la prima volta la moviola in campo arriva in SerieA e a sperimentarla saranno le due partite in programma alle ore 18 di domenica 2 ottobre. Toccherà al Toro e alla Fiorentina (contemporaneamente a Milan e Sassuolo) misurarsi con la nuova tecnologia. La Video Assistant Referees monitorerà le gare dell'Olimpico e del Meazza, secondo momento di una sperimentazione che dovrebbe portare la “moviola in campo” a essere utilizzata ufficialmente a partire dalla prossima edizione della Coppa Italia. Un occhio in più vigilerà dunque sull'operato di Gianpaolo Calvarese, arbitro designato per dirigere la gara dei granata. Osservatori interessati saranno il responsabile della Commissione Nazionale Arbitri di A Domenico Messina e il torinese Roberto Rosetti, ex arbitro oggi responsabile italiano per il progetto della moviola in campo.


BENE LA PREVENDITA Ha toccato quota 6.400 la prevendita dei tagliandi per Toro-Fiorentina. Prezzi dei biglietti da 20 euro per le curve a 190 euro per la tribuna Grande Torino. Settore ospiti in vendita a 20 euro. Sommati agli 11.468 abbonati, i tagliandi già staccati portano a quasi 18.000 le presenze annunciate domenica pomeriggio all'Olimpico. Non ancora il tutto esaurito che forse Sinisa Mihajlovic si aspettava dopo l'ottima prova con la Roma ma comunque un segnale di un ritrovato entusiasmo dei tifosi. Attesa anche una buona rappresentanza di supporters viola in virtù dell'ormai storico gemellaggio che lega le due tifoserie.

commenti presenti. Vuoi scrivere il tuo? Clicca qui!

 
 
Per la tua Pubblicità

TuttoToro, Testata Giornalistica online dal 27 Aprile 2006, è diventata un punto di riferimento per tutti i Tifosi del Toro.

Leggi tutto »
Collabora con noi

Se vuoi scrivere e vedere pubblicati i tuoi articoli su Tuttotoro o se hai una collaborazione da proporci scrivi a info@tuttotoro.com

Come contattarci

Adv Sport
Tel: +39 011.546.200 R.A.
Fax +39 011.541.888
Email: info@tuttotoro.com
Sede Legale
Via Papacino, 2 - 10121 - TORINO